Immagine
 immagine prova... di madrigols
"
Asculta a mie: in sa limba de bidda nostra bi sun totas sas limbas de su mundu, ca s'istoria de sa bidda est s'istòria de totu su mundu.

Cicitu Masala (Sa limba est s'istòria de su mundu)
"
 
\\ Home Page
Benvenuto in questo blog che utilizza dBLog 2.0 CMS Open Source:

LinkLog
 
21/01/2011 - Casa editrice di Cagliari che pubblica libri in lingua sarda - lingua sarda

WebLog
 
Di Redazione (del 28/04/2011 @ 16:44:38, in Recensioni, linkato 2502 volte)

“Vieni a trovarmi anche il prossimo anno e, quando sarai nuovamente nel tuo Paese, parla bene della Sardegna!”. Sono le parole con le quali quasi ogni sardo si accomiata dal proprio ospite forestiero in partenza.

Il sentimento di queste parole colpisce Thomas Münster (1912-1983), giovane soldato tedesco che, per uno strano destino, incontra la Sardegna. L'aereo con cui sta lasciando la campagna d'Africa, durante la seconda guerra mondiale, precipita sulle montagne di Baunei. Miracolosamente egli si salva ma, colpito dalla malaria, è costretto a soggiornare nell'isola. Terminata la guerra, si stabilisce a Monaco, diviene ingegnere, studia storia dell'arte ed entra a far parte con i più famosi Grass, Böll, Johnson e Enzensberger del famoso Gruppe 1947, fondato da Richter.

Nei primi anni '50 ritorna in Sardegna più volte, e per lunghe permanenze, perché ora è affetto da ben altro male, quel “mal di Sardegna”, quel profondo sentimento di attrazione che gli si è insinuato dentro. Non a caso è noto il detto “Chi va in Sardegna, rimane in Sardegna!”.

Thomas Münster riporta le impressioni di questi suoi viaggi nell'isola in un diario, pubblicato in Germania nel 1958, a cui dà per titolo proprio quelle parole “Parlane bene”. Una frase che è la richiesta di un messaggio d'amore da portare oltremare, un'invocazione per rendere giustizia a un'isola, spesso, maltrattata e non compresa da visitatori frettolosi e superficiali ma, anche, vittima di una lunga tradizione di opinioni negative scaturite da lontane vicende storiche che l'autore ripercorre. I Romani, pur avendo assoggettato tutto il mondo allora conosciuto, non riuscirono, nonostante i poderosi eserciti impiegati, a penetrare quella fascia di terra sarda che è l'area montuosa del Gennargentu. Questa regione, battezzata dagli stessi Romani “Barbaria”, perché inconquistabile, finì per rappresentare una spina nel cuore dell'Impero.

Come la volpe della favola di Esopo “La volpe e l'uva”, essi iniziarono a svilire ciò che non erano in grado di soggiogare e coniarono persino il modo di dire “senza valore come un Sardo”. Secondo la versione data dai Romani, la Barbaria, l'attuale Barbagia, era un territorio del tutto privo di valore sui cui campi anziché messi crescevano pietre, ed i cui abitanti non servivano a niente e non si potevano utilizzare neppure come schiavi. Fu questa, secondo l'autore, la fonte di tutte le future leggende sarde e fu da allora che nella penisola si radicò la convinzione che la Sardegna fosse sinonimo di paura e di mistero. Il viaggiatore tedesco osserva l'Isola con gli occhi disincantati del cittadino europeo e ci racconta una Sardegna di oltre mezzo secolo fa che, a dispetto di tutte le leggende di sangue e violenza, è abitata da uno dei popoli più pacifici del pianeta.

Ogni sardo è disposto ad aiutare l'ospite forestiero, pure a discapito di se stesso, non esistono ladri e il banditismo è una forma di protesta politica al di fuori di un'indole malvagia. “Parlane bene” è un prezioso documento di quella Sardegna del dopoguerra, dove non è ancora del tutto scomparsa la figura del padre-pastore, figura regale di gran dignità a capo di una struttura familiare allargata, composta pure dai servi. È la terra dove si può ancora incontrare qualcuno che vive disinvoltamente in una grotta, con porta e finestre. L'autore racconta, stupito, la sua esperienza a Perfugas dove sei famiglie vivono all'interno di una cavità rocciosa e, persino, di un uomo che abita in una grotta sepolcrale punica, con un bel televisore e, pure, contrassegnata da un numero civico. E, con maggior sorpresa, osserva che, anche a Cagliari, e non sempre per indigenza, qualcuno ha scelto di abitare la necropoli punica di Tuvixeddu.

Münster cerca di capire la mentalità di questa gente che parla con orgoglio della propria casa di roccia, ereditata dai padri, da tramandare ai figli e convinti che nessun architetto possa costruirgliene una migliore e, libero da fuorvianti pregiudizi, descrive con brio questi aspetti curiosi. Ma accanto all'isolano che non vuole abbandonare antichi modi di vivere c'è il cagliaritano moderno che la sera ama passeggiare sotto i portici della via Roma, illuminati da caffè e negozi. Cagliari è, anche, la città dalla splendida spiaggia sabbiosa, gremita, in estate, di bagnanti annoiati che ascoltano la radio o sorseggiano bibite, al riparo dal sole sotto variopinti ombrelloni o all'interno dei numerosi casotti di legno. Al Poetto, da giugno ad agosto, l'alta società fa la bella vita nei rinomati stabilimenti balneari, vestita con abiti da spiaggia all'ultima moda, dove regna un'aria di noiosa mondanità che si conclude con serate danzanti.

L'autore percorre quasi tutta l'Isola, sosta nelle varie località, indugia nelle campagne e, con la passione che pervade chi sceglie per amore una patria d'elezione, si sofferma sugli aspetti della natura, sui caratteri delle genti paesane, coglie tradizioni, consuetudini e motivi storici, che gli permettono, poi, di ritrarre nel suo diario, in maniera affettuosa e quasi divertente, quella Sardegna antica e moderna degli anni '50.

 
Di Redazione (del 08/03/2011 @ 23:15:10, in Recensioni, linkato 3152 volte)
Troppo facile classificarla come la nuova Cristiane F. dello “zoo di Berlino”. In realtà Monica Aschieri, in questo libro-diario che ripercorre la sua vita dal 1982 al 2003, racconta più un viaggio interiore che una nuda cronaca di droga che segnò la sua vita per vent’anni.

Proveniente da una famiglia “bene” di Cagliari, a 19 anni già madre di una bambina che verrà presto affidata ai genitori, girovaga per la città e l’Italia infiammata dall’astinenza e dal bisogno del metadone, affronta tentativi di recupero e struggenti e problematici rapporti con la famiglia d’origine. Tornata in Sardegna, Monica entra definitivamente in un giro di commercio e soprattutto di consumo di eroina e altre sostanze che la renderanno completamente schiava (tremende ma necessarie le descrizioni della devastazione fisica) e disposta anche a gestire il traffico quando il suo compagno, boss del quartiere CEP affiliato alla malavita nazionale, finisce in carcere.

I temi fondamentali del diario sono quelli classici della perdizione-redenzione: la discesa agli inferi, i rapporti di grande problematicità con la famiglia e con il padre descritti impietosamente, la continua richiesta di amore e considerazione che mina le fondamenta della sua personalità, il collasso fisico e psicologico e l’incontro con Dio e un’altra vita possibile. In tutto questo -una girandola di buchi, denaro, tentativi di disintossicazione, sangue e promesse non mantenute- le uniche cose buone sono la figlia lontana e il suo compagno, vera bussola della sua vita e personaggio complesso, fatto di luci e ombre.

La forma diaristica accentua il realismo della narrazione, ma rende difficoltosa la comprensione degli eventi: forse, sarebbe stata utile un’ appendice biografica vera e propria che aiutasse a collocare meglio i fatti. Anche così, però, il libro è sconvolgente e sincero, non soltanto una storia di droga, ma anche quella di un grande amore che dura una vita intera, interrotto soltanto dalla morte. Fortunatamente, il processo di perdizione si conclude con una lenta redenzione e persino con un avvicinamento alla fede che la porta a fare i conti con il dolore sofferto e provocato alla famiglia.

L’autrice, oggi disintossicata, e la sua famiglia sono molto conosciuti e il rischio è che la curiosità suscitata da una storia così forte e realistica, che oltretutto racconta una Cagliari “parallela”, metta in ombra il messaggio che, forse inconsapevolmente, la Aschieri vuole trasmettere: le persone non sono e non è possibile che siano soltanto “buone” e “giuste” o, all’opposto, solo “cattive” e la discesa all’inferno può avere anche un ritorno.
 
Di Redazione (del 08/03/2011 @ 13:59:11, in Recensioni, linkato 2497 volte)
La volontà di raccontare in forma romanzata un periodo storico importante per la storia della Sardegna, insieme a quella -evidente- di restituire importanza e “attrattiva” ad eventi ancora non sufficientemente indagati, stanno alla base di questo romanzo di ambientazione storica, scritto dal commediografo e scrittore sassarese Giovanni Enna e pubblicato postumo.

La trama si dipana nel periodo giudicale della Battaglia di Sanluri del 1409 durante la quale le truppe aragonesi sovrastarono quelle del visconte Guglielmo di Narbona-Bas, ultimo discendente della dinastia di Arborea, il cui tesoro viene affidato a un drappello di fedeli sudditi perché lo portino in salvo. Nel loro percorso verso l’altipiano della Giara di Gesturi, i fuggitivi incontreranno diversi personaggi che cambieranno la loro sorte: in particolare, i giovanissimi membri della “confraternita della Giara”, una sorta di micro-società indipendente con regole proprie che resiste agli stranieri e ai locali che li vorrebbero schiavi.

Il libro ricorda Il Signore degli anelli di Tolkien e l’avventura alla ricerca dell’anello, con la differenza che stavolta il tesoro non va trovato, ma protetto durante un percorso che è metafora di una evoluzione personale e dei rapporti con gli altri. Anche in Fuga sulla Giara il viaggio permette ai protagonisti di scoprire la propria profonda umanità e quella dei compagni, così come hanno un significato funzionale la fuga dai “cattivi”, simbolo dell’oppressione individuale e di un intero popolo (quello sardo, il cui sentimento di identità è continuamente ribadito), le figure “classiche” degli anziani saggi, dei ragazzi irruenti selvatici ma buoni e perfino il piccolo paggetto che avrà modo di dimostrare tutta la sua perspicacia. È ovviamente presente anche un elemento fiabesco, di tradizione orale, impersonato dalla saggia Mammai Aleana in contatto con la Natura, ma anche il viaggio iniziatico dei ragazzi Pauledda e Lacu, la descrizione quasi sociologica (anche se non troppo approfondita) della società autonoma dei ragazzi sulla Giara la quale non ricorda quella malvagia del romanzo di Golding, Il Signore delle Mosche, quanto un primitivo e -pare di capire- sano ritorno alle origini dell’uomo.

Fuga sulla Giara possiede tutti gli elementi necessari a un buon impianto narrativo e una particolare attrattiva per chi vuole approfondire la storia della Sardegna.
 
Di Redazione (del 07/03/2011 @ 12:43:01, in Recensioni, linkato 2737 volte)
Oltre il neorealismo, pur essendone ovviamente influenzato: questo è il Pablo Volta che raccontò la Sardegna della metà degli anni Cinquanta, rimanendone colpito come dal poema omerico. Il giovane fotografo arrivò in Barbagia per la prima volta nel dicembre del 1954 per poi ritornare in più occasioni e, in seguito, addirittura scegliere l’isola come sua residenza stabile.

Le fotografie di questo reportage, nato non “su commissione” ma per impulso proprio, non sono ritratti stilizzati, ma momenti di vita in movimento: talvolta le facce serie fissano l’obiettivo senza timore, mischiandosi a quelli che si coprono il volto con le mani, abbozzano un sorriso, continuano imperterriti a ballare nella piazza, sgozzare il capretto per la festa, lanciare la corda al mamuthone.
In questo lo stile e il risultato finale di Volta appartengono al neorealismo: nell’arte che “si fa” in rapporto diretto con la società locale, con la mungitura della pecora, gli sguardi dei pastori, le fiere paesane e quello strano carnevale che sarebbe poi diventato uno dei più studiati e fotografati al mondo. Ai tempi circolavano molteplici rappresentazioni del Meridione, soprattutto di stampo antropologico o di denuncia sociale: lo sguardo di Pablo Volta le combina insieme nell’indagine di una realtà ancora poco conosciuta come quella sarda, aggiungendovi una personale propensione alla “fissazione dell’attimo”.

La staticità dell’atto fotografico è il riflesso del ritmo lento e “naturale” di un piccolo paese che non costituisce un semplice elemento etnografico-antropologico ma, semmai, dato storico. Orgosolo, Desulo, la Sardegna nel 1954-57 erano così: “…comunità pastorali del Mediterraneo che si incontrano leggendo l’Odissea” e il merito di Volta è quello di avere colto allo stesso tempo la loro verità e le loro potenzialità. Le fotografie del libro vanno guardate più di una volta per scoprirne la doppia o tripla vita: soggetti ritratti più volte nell’evoluzione di un’azione, come il bambino che si arrampica sul muro e, sotto di lui, le donne velate che rappresentano un’icona della tradizione e contemporaneamente (e modernamente) osservano i giovanotti in orbace che passano per la strada.

Il volume è curato da Tatiana Agliani e Uliano Lucas e le immagini sono accompagnate dai testi di Maria Giacobbe, F.Cagnetta, I.Kowaliska, D.H.Lawrence e Salvatore Cambosu.
 
Lo studio della storia sarda riguarda in maniera prevalente l’età nuragica e le sue manifestazioni archeologiche, mentre la storia delle famiglie nobili in Sardegna, che vissero il loro picco di stabilità e organizzazione nel secolo XVII, necessitava di uno studio “organizzato”.

Il volume di Francesco Floris e Sergio Serra è appunto uno studio moderno e sistematico della materia (i precedenti tentativi si ritrovano in alcuni manoscritti dei secoli XVIII e XIX), articolato in due parti principali: “Storia della nobiltà in Sardegna” e “L’araldica sarda” e corredato da un “Piccolo dizionario araldico”. Nella prima, scritta da Floris, viene analizzata la storia complessiva della nobiltà sarda e la sua funzione nelle società; la seconda, curata dallo scomparso Sergio Serra, è dedicata allo studio degli stemmi e delle armi nobiliari, con un adeguato materiale iconografico a supporto dei documenti.

Come sottolineato da Alberto Boscolo nella presentazione, “…la nobiltà sarda è stata una classe sociale complessa nella sua struttura, […] che ha svolto una funzione economica e politica notevole”. Dallo studio della sua storia e dei suoi simboli emerge, infatti, una classe sociale diffusa nel territorio (c’erano famiglie nobili praticamente in tutti i villaggi dell’isola), che traeva riconoscimento più dai “meriti” che dal “sangue”. Era costituita, a parte le famiglie “forestiere” catalane che peraltro si “sardizzarono” in fretta, perlopiù da proprietari terrieri, comandanti delle compagnie di miliziani, medici o avvocati che avevano ottenuto il diploma di cavalierato o di nobiltà come compenso per i lunghi anni al servizio della patria o del sovrano. Una nobiltà locale, dunque, fatta di sostanza che si traduceva nella forma, con stemmi che riproducevano simboli di ricchezza e abbondanza, fra i quali anche animali come il maiale o la vacca.

I “corsi e ricorsi” della storia si manifestano anche in una interessante caratteristica della nobiltà isolana: quella per cui fu proprio questa parte della società a tracciare il solco di una “coscienza nazionale” dei sardi che, in quanto “naturales” appartenenti alla “nazione sarda”, avevano diritto di ricoprire le cariche pubbliche con esclusione dei forestieri.
Il volume, alla sua seconda edizione, è stato realizzato in seguito a un paziente lavoro di ricerca presso gli Archivi sardi, quelli della Penisola e presso l’Archivio della Corona d’Aragona a Barcellona.
 
Di Redazione (del 05/03/2011 @ 10:34:02, in Recensioni, linkato 1641 volte)

Il tema più “alla moda” degli ultimi anni in Sardegna, ovvero la definizione dell’Identità (proprio così, maiuscola, come fosse una entità concreta) è anche il più “vischioso”, proprio in virtù delle sue molteplici sfumature. Ne discutono quarantatre “Scrittori sardi allo specchio”, fra cui Francesco Abate, Milena Agus, Bruno Tognolini, Franco Carlini, Maria Giacobbe, Alberto Melis, Luciano Marrocu, Marcello Fois.

A metà fra la saggistica e il racconto di sé e degli altri, gli interventi più interessanti e anche più utili ai fini della “missione impossibile” di definizione della sardità sono quelli che utilizzano lo strumento narrativo puro, perché ha fondamentalmente ragione Nino Nonnis quando scrive che “…la Sardegna è come le barzellette, non si deve spiegarla”. Soprattutto ai conterranei, verrebbe da aggiungere. Però facciamolo, perché è pur sempre argomento stimolante che può far guardare oltre il provincialismo delle infinite diatribe linguistiche, dello scimmiottamento di altrui costumi commerciali e stilistici, dei perché e dei percome dell’essere sardi, oggi. O si vorrebbe che fossimo sempre come ieri? Per fortuna ci sono anche i giovani che magari “non vogliono essere niente, ancora per un po’”, come l’anonimo (Giovane scrittore), o quelli che fondamentalmente sembrano chiedersi il perché di questa cosmica domanda (si veda il meditabondo Alberto Melis).

Il valzer delle domande parte dalla fisicità concreta della Sardegna come “tana” (Milena Agus) per arrivare allo sguardo particolare verso il mondo di Nicola Lecca, passando per lingua, lontananze, odori e ferite aperte, per elementi immutabili e altri in inarrestabile evoluzione, come il mestiere (o la semplice passione) di scrivere.

Possibile che esista una letteratura “sarda” in quanto geograficamente tale? E come definirne gli autori, per ius sanguinis o ius soli? E se sono nati sul suolo patrio ma non ci hanno vissuto (abbastanza), perdono il loro diritto alla qualifica? E se non ci sono nati ma l’hanno scelta come prima patria, magari vedendone le caratteristiche contraddittorie che al “vero sardo” sfuggono? Se poi ci si addentra nella tematica esplosiva della lingua, l’apparentemente oziosa questione (perché, diciamolo, è più materia per scrittori, filosofi, docenti e cultori della materia che per coloro che la vivono quotidianamente ed epidermicamente, la Sardegna) diventa terreno minato.

Ipotizzare che “la letteratura sarda (o “sarda”) possa avere una funzione orientatrice mai avuta prima”, come afferma Angioni, pare un eccesso di ottimismo; chi pratica un innato realismo, non particolarmente sardo ma comunque necessario, si limita a sperare che la discussione prosegua, in quanto l’individuazione definitiva della nostra specialità di abitanti della Sardegna è ancora tutta da raggiungere. Cartas de Logu ha comunque un grande pregio: offre delle possibilità. Offre spunti e materia su cui riflettere e anche un po’ polemizzare, non tanto per confermare quella caratteristica esistenziale immodificabile che rende i sardi “pocos, locos e malos unidos”, quanto per stimolare una discussione che si allarghi oltre i confini ancora troppo ristretti degli addetti ai lavori della cultura isolana.

 
Di Redazione (del 05/03/2011 @ 10:25:25, in Interviste, linkato 2135 volte)

Come è nata l’idea del romanzo?

Il romanzo nasce da una profonda passione per l’Archeologia; il ricordo più antico che ne ho riguarda lo stupore con cui, da bambino, guardando la TV degli anni ’60 scoprivo l’epica Omerica dell’Odissea (con Bekim Fehmiu, Irene Papas …). L’incontro con i Nuragici è avvenuto, stranamente, non tanto attraverso le costruzioni megalitiche quanto con l’ammirata scoperta dei loro manufatti e delle armi di bronzo, in una uggiosa mattinata ginnasiale spesa in visita al Museo di Nuoro. Poi la visita, circa vent’anni fa, a un villaggio con fortezza ancora praticamente inesplorato (che poi è diventata la patria di Tholis, il protagonista antico): è stato il punto di svolta, con la decisione di narrarne le possibili vicende. Quindi, circa quindici anni fa, la nascita della trama e dei protagonisti, solo immaginati sino all’inizio della scrittura nell’autunno del 2004. Il tutto intessuto con la commistione tra cultura umanistica e tecnologica, e lasciando nella trama tracce di alcune cose amate da me e dalla mia generazione (citazioni, richiami, suggestioni o vere e proprie “Easter eggs” – sorpresine lasciate dall’autore nel fluire della trama, riconoscibili se ne è noto il codice…).

Con quale volto lei immagina i personaggi principali del libro?

Bella domanda! In realtà il romanzo l’ho scritto descrivendo le situazioni che immaginavo, in qualche modo “vedevo”, prima ancora di dare corpo al testo. Quindi i personaggi, anche quelli secondari, per me hanno un aspetto ben preciso. Senza voler togliere al lettore il gusto di immaginarli per proprio conto, comunque, diciamo che Tholis, il protagonista nuragico, sta tra Kim Rossi Stuart e Orlando Bloom, mentre i panni di Gianni Mele, l’archeologo del prossimo futuro che scopre la tomba inviolata, li vedo bene vestiti da Raul Bova. Certamente una splendida Lucia Marras (l’archeologa Sassarese) potrebbe avere il volto di Barbara Bobulova, mentre Giorgia Laconi, la giornalista, è senz’altro Elisabetta Canalis! Infine Olai, il secondo protagonista della vicenda antica: con un po’ di capelli in più, potrebbe essere Luca Zingaretti.

Quanto c’è di autobiografico nel romanzo?

Molto. Gianni Mele è diventato, nel corso della scrittura, il mio Avatar archeologo (nella vita reale sono un ingegnere che si occupa di tecnologie dell’informazione e della comunicazione), e chi mi conosce sostiene che spesso parli proprio come me… mentre l’altro protagonista, Tholis, è diventato via via più epico mentre il suo personaggio, il suo carattere prendevano corpo; mi piacerebbe avere un nipote come lui, con una vita certamente meno travagliata! Inoltre, le sensazioni e le immagini legate ai luoghi: ho cercato di descrivere quelle che ho provato io stesso nel visitarli; le antiche leggende sono quelle che ho appreso da mia madre e dagli anziani custodi della memoria, che le tramandavano in modo orale, come facevano i nostri antenati.

Per cosa vorrebbe che fosse ricordato il suo libro?

Mi piacerebbe che fosse ricordato per aver contribuito a ridare vita e spessore ad un antico, fiero popolo. Per averci riavvicinati alla loro umanità, a quella parte di loro che ancora vive in noi. Per aver contribuito a far sentire la nostra gente isolana si, ma un po’ meno isolata, e meno che mai schiava di un antico e immutabile destino. Per aver stimolato e incuriosito i lettori, soprattutto quelli più giovani, spingendoli ad approfondire le loro conoscenze sui nuragici visitandone i siti e passeggiando per i musei, cercando di immedesimarsi con la loro vita quotidiana. Magari, per aver seminato una piantina che potrebbe fiorire con qualche futuro, grande archeologo… Troppe ambizioni? Chissà.

 

Il volume, pubblicato a giugno dalla casa editrice Aipsa nella collana Portales, raccoglie gli interventi del convegno su Fabrizio De André svoltosi nel giugno del 2003 al teatro Nanni Loy per iniziativa dell’associazione Portales e del Dipartimento di Filologie e Letterature moderne dell’Università di Cagliari. Si tratta della raccolta dei contributi di diciotto studiosi e ricercatori di varie discipline, corredata dalla fotografie di Daniela Zedda.

Il saggio vuole offrire “…un approccio variegato alla corposa discografia di De André, proponendo una molteplicità di punti di vista”: perché De Andrè conteneva, per dirla alla Whitman, “le moltitudini”. Il volume si dipana dunque per i sentieri letterario, musicale, linguistico, religioso, e si articola in tre sezioni, Orizzonti, Percorsi e Variazioni, curate rispettivamente dai tre curatori del volume.

Nella prima sezione, Orizzonti, vengono presentati gli scritti che trattano in generale il rapporto tra canzone, letteratura e utopia in Fabrizio De André, mentre nella seconda viene indagato il rapporto vitale fra l’artista e la letteratura, con una particolare attenzione per quelle che sono chiaramente state le sue fonti di ispirazione: Edgar Lee Masters per l’album Non al denaro non all’amore né al cielo ma anche Bob Dylan, l’esperienza meravigliosa e terribile della Sardegna raccontata in Hotel Supramonte, e anche gli stili passionali e definitivi dei classici russi (si veda a questo proposito l’intervento di Simonetta Salvestroni che accosta De André a Dostoevskij nell’intervento dal titolo “De André, gli autori russi e il mondo contemporaneo”).

Nella terza sezione, Sanjust ha curato la parte più strettamente “musicale”, indagando i legami e le contaminazioni del cantautore-poeta (o viceversa?) e raccogliendo anche la testimonianza di Mauro Pagani, musicista polistrumentista, che ha lavorato per oltre un decennio con l’artista genovese.

Appassionato “saccheggiatore” dei codici popolari, delle culture e dialetti “altri”, De Andrè si è radicato nella cultura collettiva raccontando le “marginalità” (non a caso i sardi sono da lui avvicinati agli Indiani d’America), indagando il legame amore-morte e la guerra, utilizzando dialetti in funzione “anarchica” rispetto al potere costituito, lo stesso che ieri come oggi non può accettare che “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”.

 
Di Redazione (del 02/03/2011 @ 17:42:56, in Recensioni, linkato 3169 volte)

Il tema dell’edizione 2008 della Mostra del Libro di Macomer è stato il futuro, scelta non casuale visto che ormai la consapevolezza della necessità di strutturare i percorsi della lettura fin dalla giovane età si è radicata in molti settori.

Le istituzioni - il Comune di Macomer e la Regione Sardegna - e le associazioni di categoria (gli Editori Sardi e i Librai sardi Indipendenti), le scuole e gli autori hanno lavorato in sinergia per dimostrare che un altro futuro, rispetto alle fosche descrizioni dell’Istat (venti milioni e 300mila persone, il 37% della popolazione di 6 anni e più non hanno letto neanche un libro nel 2005-2006 secondo la rilevazione del maggio 2006) è possibile.

La grandissima attenzione riservata alla scuola sarda come principale fucina dei lettori di domani sta trovando un positivo riscontro nelle politiche regionali di lotta alla dispersione scolastica e di sostegno alle biblioteche. A questo proposito sono numerose le richieste di finanziamento delle scuole già pervenute negli uffici regionali in seguito al recentissimo stanziamento di fondi per l’acquisto dei prodotti dell’editoria sarda. Macomer si conferma luogo di aggregazione e “centro” ideale (anche territorialmente) per la catalizzazione di eventi legati al libro.

In occasione della Mostra sono stati organizzati non soltanto uno spazio riservato ai bambini all’interno delle ex Caserme Mura, ma anche una serie di eventi collaterali tra cui tavole rotonde, incontri con gli scrittori sardi e con gli esperti nella produzione di eventi culturali, come Pierluigi Sacco, editori di rilievo nazionale, quali Minimum fax e Fanucci. Di particolare interesse, durante la manifestazione, si è rivelato l’incontro La produzione letteraria in lingua sarda: un fenomeno sotto traccia, al quale hanno partecipato Antoni Arca, Francesco Cheratzu, Salvatore Fozzi, Gian Gavino Irde, Paolo Pillonca, Nicola Tanda, Salvatore Tola. Il tema trattato è stato quello dell’importanza, spesso non sufficientemente rilevata, della letteratura in lingua sarda come parte fondante del bagaglio culturale dell’isola.

Francesco Cheratzu (Edizioni Condaghes) ha ipotizzato un futuro in cui la specificità culturale isolana potrà essere riconosciuta a livello mondiale, attraverso il simbolo più importante per un libro in commercio: il codice ISBN, ovvero il numero posto di solito sopra il codice a barre in copertina, che identifica univocamente un titolo (composto dapprima da 10 cifre, ora dovrà essere adeguato a 13).

Ma l’appuntamento di Macomer porta anche buoni affari: “Le cifre - dice Mario Argiolas, ex presidente dell’Associazione degli editori sardi e ora a capo dell’Ufficio Studi dell’AES - sono molto buone. Il numero dei visitatori dello scorso anno (ventimila) è stato ampiamente superato. Le vendite dei libri sardi registrano un 30% in più. Anche i librai indipendenti hanno venduto molto bene, sia i libri della piccola e media editoria di qualità sia i libri per ragazzi”.

Il bilancio è dunque positivo e va nella direzione intrapresa dalla Regione Sardegna che è quella di una decisa valorizzazione della cultura in tutte le sue forme, da perfezionare in alcune parti (come la nuova legge sull’editoria), ma nel suo complesso rispondente all’ esortazione di Antonio Gramsci: “Istruitevi, istruitevi, istruitevi”.

 
Di Redazione (del 02/03/2011 @ 15:53:51, in Recensioni, linkato 1737 volte)

“Morte de unu presidente”, su triballu ùrtimu de Zuanne Franziscu Pintore, contat de un imbòligu de fatos trulos chi capitant a fine istadiale, in una bindighina de dies bascosas.

Ddu at unu mistèriu chi imbrutat sas fèrias alligras de una tropa de piztocos e pitzocas, zente de importu de sa politica sarda e amigos issoro: a Nenardu Angioni, presidente de su Guvernu sardu, dd’ant atzapadu, mortu, in su dominàriu de Istene Demaias, su cabu de su parlamentu, e a Annesa Iserrai, sa pobidda de Demaias, dda ponent in presone.

Si cumprendet subitu chi, a mesu de sa chistione, mancari a mala gana, si che atzapat imboligadu Nurai puru, giornalista sardu de unu cotidianu italianu, ca sa sorte che ddu ogat a imbistigadore. A bellu a bellu sa cosa resultat prus difìtzile de su chi si potzet crèere. Su letore non podet pentzare male de Nurai, ma totu s’atera zente chi nde essit a campu in s’istoria abbarrat misteriosa finzas a sa fine. Su contu est bellu tesu fintzas a s’acabbada, ca s’autore atzunghet, in ognunu capìtulu, a sa fidada, arcanos noos.

Si cumintzat de unu logu de mare, ma a bellu a bellu sa cosa si chet ispraghet, paris cun sas trassas chi si che avvolotant e cun sa zente noa chi nde essit a campu. Fintzas a cando s’imbòligu cummintzat a si che immanniare e iscumpassende sas làcanas de s’isola nostra, che arribbat a s’Itàlia.

Calincunu at nau chi custu est unu contu de fantapolìtica. E sos de fantapolìtica sunt mescamente una zenia de libros ambientados in tempos benidores: ma sa de su contu, mancari sa situatzione polìtica siet assolutamente diferente, diat essere una realidade chi si podet dare. A fàere custu, meda azuat sa limba, ca Pintore dda manizat bene meda, e ischit zare a personagios e trassas profundidade e beridade.

Si agradat puru su abrìtiu de Pintore, a iscrìere in LSC, ca ammustrat ca si podet iscrìere in sardu binchinde sos problemas de grafia e fintzas chentza de che fàere pèrdere a sa limba sa fortza sua. Su chi nde essit est cosa bene fata, po sa limba puru. E Pintore rennesset, chentza chi si nde abbizemus, a si che leare propriu incue inue depet acabbare unu bellu contu “giallu”: inue no aiamos pentzadu de che arribbare.

 
Di Redazione (del 02/03/2011 @ 15:48:33, in Recensioni, linkato 1584 volte)

Ovvero come raccontare i grandi personaggi della storia ai più piccoli, “semplificando” una figura quasi mitologica come quella di Antonio Gramsci attraverso la rilettura fiabesca delle celebri Lettere dal carcere. Per una “legge del contrappasso” buona e “al contrario”, la vocazione pedagogica di Gramsci viene pienamente espressa attraverso le lettere scritte nel periodo terribile delle detenzione, in cui la parola scritta era l’unico punto di contatto con il mondo e gli affetti: la moglie, i figli piccoli, la cognata Tania e la sorella Teresina, nonché la madre e i fratelli.

L’impostazione educativa di Antonio Gramsci, fondata sul primato della “forza di volontà”, l’amore per la disciplina e il lavoro, non è rivolta al bambino in maniera coercitiva e artificiale; egli si rivolge innanzitutto agli educatori, che hanno bisogno, loro sì, “di essere educati”, soprattutto in relazione alle maggiori difficoltà che le bambine incontreranno nel loro percorso di vita (lettera a Giulia del 21 novembre 1927, a Tania del 30 aprile 1928, e successivamente a Carlo e Teresina).

Uno straordinario messaggio di riconoscimento della personalità del bambino, della parità fra i sessi e anche di femminismo ante-litteram, nonché un segnale importante per gli adulti che si accosteranno a questo libro per spiegare ai piccoli lettori (l’età consigliata è dai 7 anni in su) il significato e il contesto storico e umano di ogni fiaba. Antoni Arca compie un eccellente lavoro di veicolazione dei messaggi del pensiero gramsciano, come quello della solidarietà e consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni (ne “Il topo e la montagna”), del “pessimismo della ragione e di ottimismo della volontà”, soprattutto nello studio (nelle lettere alla madre dell’agosto del 1931 e del 1932 ad esempio, sollecita una maggiore attenzione alle cose del mondo, anche quello piccolo di Ghilarza), e della realtà e accettazione dell’imperfezione fisica (l’Antonio-Nino protagonista è un piccolo uomo un po’ gobbetto); correttamente non viene nascosto o edulcorato, ma spiegato, anche il Gramsci padre, lontano fisicamente ed emotivamente dai piccoli figli (“Babbo Babar”).

“I racconti di Nino” è un ottimo libro per i ragazzi, più “pedagogico” che didattico, ma anche per gli adulti, che vi ritroveranno il pensiero di uno dei più importanti intellettuali del Novecento sintetizzato, tradotto con semplicità, quasi un punto di partenza per chi volesse cominciare a conoscere Gramsci.

 
Di Redazione (del 02/03/2011 @ 15:42:44, in Recensioni, linkato 2506 volte)

La raccolta nasce da un concorso letterario organizzato nel 2006 dal circolo culturale “Miele amaro” di Cagliari. E proprio la “Città del Maestrale” è il filo conduttore di questi 16 racconti, tra i quali 9 sono stati selezionati tra i 40 partecipanti, 6 invece sono stati scritti da altrettanti autori già affermati: Paolo Maccioni, Fiorella Ferruzzi, Gianluca Floris, Nino Nonnis, Giuseppe Pusceddu e Salvatore Pinna.

L’ultimo, Diana Blues, è un esperimento letterario promosso da “Miele amaro”: si tratta di una avventura “open source” di Catfish, il dj-investigatore creato da Francesco Abate e Massimo Carlotto. I lettori hanno cioè potuto scrivere in forma libera e partecipata la nuova storia di Catfish.

La città di Cagliari è lo sfondo delle storie ma spesso ne è anche diretta protagonista, con i suoi quartieri, il suo slang e i suoi “tipi umani”, e i suoi luoghi dell’anima: si vedano a questo proposito la signora Isia, fioraia a San Michele, dell’esordiente Andrea Serra e la storia nero-immobiliare di Paolo Maccioni.

Il bello del “noir” sta nelle sue numerose sfaccettature, molte delle quali presenti in questa raccolta che vede contributi di alta qualità anche negli esordienti: il racconto nerissimo (e ottimo) di Laura Mattana si accompagna, ad esempio, alla sottile malinconia del Telefono Amico della Ferruzzi o al simpatico magistrato di Gianluca Floris. Che poi la Sardegna contemporanea produca soprattutto scrittori noir o gialli (che siano nuovi o già conosciuti sta semplicemente a indicare la durata nel tempo del fenomeno), comunque spesso impropriamente detti di “genere”, è domanda-non domanda interessante. Ci sarà una specificità isolana, arditamente definita “nouvelle vague” sarda, o ci piace solamente crederlo? Non sarà, semmai, che pochi “generi” (definizione riduttiva per uno stile multiforme come quello in oggetto) sono, semplicemente, scrivibili, leggibili e godibili quanto la narrativa noir?

L’esperimento di Nero Cagliari e Dintorni ha certo il merito di essere, rispetto ad analoghi tentativi, di buona qualità e di rivelare nuovi aspetti di una città che credevamo di conoscere già benissimo, ma nella quale si muovono, evidentemente in incognito, moltissimi scrittori al di sopra di ogni sospetto.

 

Un intrigo letterario raffinato, intenzionalmente colto nella scelta dell’ambientazione, in un gioco del domino di letture e scritture che porteranno il lettore verso la soluzione del “giallo”, a cui nulla manca: l’intrigo, l’amore infelice, le doppie identità, l’ambientazione gotica, la dark lady e l’ingenua protagonista (che tanto ingenua non è).

Il primo romanzo di Annalena Manca, sassarese trapiantata a Roma, racconta una storia che solo apparentemente sembra tratta da un romanzo d’appendice, con tanto di giovane orfana che agli inizi del Novecento viene assunta da una nobile famiglia di Napoli per badare ai cinque figli, in realtà per scrivere la storia della famiglia.

Anche la giovane protagonista Teresa Senzabene, però, nasconde un segreto, che è proprio il motivo per il quale è stata chiamata a svolgere quel compito nella casa della misteriosa baronessa-pittrice Maddalena. I frequenti rimandi presente-passato svelano poco a poco la trama di un mystery molto “letterario”, perché di libri si parla, e di scrittori e di storie: le vicende incrociate della protagonista e del suo passato si intrecciano con quella della famiglia dei baroni di Falcialunga, in una atmosfera gotica che arriva fin quasi ai giorni nostri.

Chi ha amato un libro come “Possessione” di Antonia Byatt, coltissimo giallo letterario basato su figure mitiche come gli pseudo-biblia e sulla ricerca bibliografica, apprezzerà L’Accademia degli scrittori muti: infinitamente più lineare nella scrittura, originale e non scontato nel finale, dimostra come anche un libro o una lettera, talvolta, possono essere il corpo del reato.

 

Dabolina è stato il leit-motiv degli anni '90, e molti se li ricordano bene, quegli anni di discoteche, cappuccino e cornetto all’alba e una movida cagliaritana per molti versi insospettabile, o forse appena visibile sotto la superficie di sabati (ma anche giovedi e venerdi) in fondo tutti uguali.

Un titolo molto efficace per questo romanzo di Francesco Abate, giornalista e disc jockey conosciuto col nome di Frisco. Il luogo mai chiaramente indicato è ovviamente la Sardegna, in particolare Cagliari e le sue coste, meta delle migrazioni notturne di massa del divertimento estivo. Sono infatti riconoscibilissimi nella narrazione i ritrovi della ex gioventù cagliaritana, accasata e imborghesita quanto basta per giustificare ai propri e altrui occhi una esistenza parallela fatta di nottate in discoteca e avventure varie ed eventuali in compagnia della Family (proprio così, all’americana), ad indicare il gruppo che accompagna il protagonista, avvocato di giorno e dj la notte, nel lavoro alla consolle.

Proprio nella scelta dei protagonisti è evidente la volontà di farne degli esempi, degli archetipi quasi: agli improbabili nomi come Furio e al melting pot etnico perlomeno inusuale per una Cagliari che immaginavamo più provinciale si accompagna il chiaro intento di tracciare una storia “diversa” da quella prevedibile e sonnolenta di una “capitale” in realtà schiava delle proprie abitudini tranquillizzanti e un po’ piccine: il bagno al Poetto, il weekend alla “villetta” al mare, il caldo soffocante di certi pomeriggi, la rosticceria sotto casa e così via.

La vita scorre e la bella stagione è appena cominciata quando un omicidio incrina l’oliata macchina della Family dell’avvocato Grimaldi e i problemi di ognuno dei componenti esplodono.

Il romanzo – niente a che vedere con il filone noir sardo, qui predomina la narrazione in sé piuttosto che la soluzione del giallo- si legge benissimo, nonostante o forse proprio per lo stile semplice e diretto senza grandi introspezioni ma con un po’ di cattiveria non scontata. L’elemento interessante di questo “remix” è che si tratta della riscrittura del romanzo originale pubblicato da Castelvecchi nel 1998, con la sovrapposizione di una nuova trama che fa partire il libro dall’adolescenza dei protagonisti e un finale diverso.

Dopo il primo Mister Dabolina Francesco Abate ha scritto alcuni altri libri, di ambientazione diversa ma accomunati dalla presenza di personaggi in chiaroscuro, mai soltanto cattivi e mai solo “risolti”: ricetta efficace per non rendere prevedibile la narrazione, che è poi quello che si chiede a una buona storia.

 
Di Redazione (del 28/02/2011 @ 15:56:04, in Editoria libraria, linkato 4294 volte)

Salvatore Satta nacque a Nuoro nell’estate del 1902. Ultimo figlio del Notaio Salvatore Satta e di Valentina Galfré, frequentò il liceo “Asproni” di Nuoro e conseguì la licenza liceale presso il famoso Istituto “Azuni” di Sassari. Frequentò la Facoltà di Giurisprudenza in diverse città italiane per poi laurearsi presso quella di Sassari.

Tra il 1928 e il 1930, giovanissimo, scrisse il suo primo romanzo “La veranda”, ambientato in un sanatorio dell’Italia settentrionale in cui il Satta si trovava ricoverato. L’atmosfera, già cupa di per sé, come può ben immaginarsi, è resa ancora più cupa e triste dal lento e monotono trascorrere dei giorni caratterizzati da un senso di abbandono e dall’alternarsi nello stato d’animo dei ricoverati, dallo spettro della fine incombente e dalla speranza indefinita e vaga di guarigione. Il manoscritto, ritrovato dopo la sua morte, fu ripubblicato nel 1979 dopo il successo de “Il giorno del giudizio”. Il Satta partecipò nel 1928 al Premio Viareggio presentando appunto “La veranda”. Mario Moretti, uno dei giurati, ne fu subito entusiasta, paragonandolo alla Montagna incantata di Thomas Man. Ma la giuria lo ritenne, dato l’argomento, improponibile per il pubblico italiano, in un’epoca in cui la malattia era vissuta quasi come un disvalore.

Deluso, decise di dedicare le sue energie allo studio del diritto, diventando ben presto docente universitario e giurista di fama europea nel campo del Diritto processuale civile. Insegnò presso le università di Padova, Genova, Trieste e, principalmente, Roma. Pubblicò numerosi lavori di carattere giuridico di respiro europeo che gli conferirono ampia notorietà nel settore. Tra il 1944 e il 1945 scrisse il “De Profundis”, delle riflessioni amare sulla fine del fascismo e sugli orrori della guerra.

Nel 1970 iniziò la stesura de “Il giorno del giudizio”, che terminò nel 1974, a un anno dalla morte avvenuta il 19 aprile del 1975. Il romanzo fu pubblicato postumo nel 1977 dalla Casa editrice Cedam, specializzata in testi giuridici. Ma il successo dell’opera arrivò con la successiva pubblicazione, avvenuta nel 1979 con l’Adelphi. Si rivelò uno scrittore di grandissimo talento, divenendo ben presto un caso letterario senza precedenti, tradotto in ben 17 lingue, e può essere considerato tra gli scrittori più significativi del Novecento. “Il giorno del giudizio” narra la storia di una famiglia; la sua famiglia, vissuta a Nuoro tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale. Il romanzo, caratterizzato dalle atmosfere cupe e tenebrose tipiche dell’autore, induce il lettore alla riflessione sul senso dell’esistenza e sull’ineluttabilità della vita, attraverso lo sfilare di personaggi con i loro vizi e le loro virtù, offrendo un vivido affresco della Nuoro dell’epoca. Riflette, inoltre, tramite i suoi personaggi, il conservatorismo dell’autore, angosciato dal dilagare delle manifestazioni operaie e studentesche scaturite nei primi anni Settanta e dalle conquiste sociali ad esse connesse quali, in primis, il divorzio, la scuola di massa e le innovazioni normative in ambito lavoro. Non mancarono i malumori dei nuoresi che si sentirono rappresentati nelle pagine del romanzo e le critiche di chi riteneva riduttivo focalizzare le vicende narrate quasi esclusivamente sulla borghesia e non l’insieme della società.

Bibliografia ragionata

Salvatore Satta, De Profundis, Padova, Cedam,1948

Salvatore Satta, De Profundis, Milano, Adelphi, 1980

Salvatore Satta, Il giorno del giudizio, Padova, Cedam, 1977

Salvatore Satta, Il giorno del giudizio, Milano, Adelphi 1979

Salvatore Satta, La Veranda, Milano, Adelphi, 1981

Salvatore Satta, Il mistero del processo, Milano, Adelphi, 1994

Vanna Gazzola Stacchini, Come in un giudizio, vita di Salvatore Satta, Roma, Donzelli, 2002

Salvatore Satta, la Veranda, Nuoro, Illisso, 2002

Salvatore Satta, De Profundis, Nuoro, Illisso, 2003

Salvatore satta, Il giorno del giudizio, Nuoro, Il Maestrale, 2006

 
< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Editoria libraria (2)
Editoriale (5)
Interviste (6)
Recensioni (29)

Catalogati per mese:
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (2)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo


Titolo


21/10/2017 @ 11:03:19
script eseguito in 125 ms