Vai direttamente al contenuto

SBS

Servitzios Bibliograficos Sardos

Servitzios Bibliograficos Sardos
     
  
Password ismentigada?
Abònadi como!

Stanis Dessy



Stanis Dessy - Marco Magnani, Ilisso (2004)

Volume monografico riccamente illustrato e caratterizzato da testi approfonditi e di agevole lettura.

Autore/es Marco Magnani
Illustradore/es Pietro Paolo Pinna
et al.
Editore Ilisso
Editzione Nuoro, Cabudanni 2004
Pàginas 128 (pintadu)
Collana I Maestri dell´Arte Sarda, n° 8
Genia Arte
Suportu Pabìru 
Prèsu € 12,00
Limba de publicatzione Italianu

  Àteros piessignos

S'òpera

Il volume si caratterizza per l´apparato biografico completo e per un corredo di immagini accompagnato da un testo esplicativo particolarmente puntuale e tuttavia di semplice comprensione. Le schede delle opere sono, infatti, discorsive e percorrono la vita dell´artista inserendolo nel contesto storico e culturale del periodo.

«Pittore, incisore, scultore, illustratore, caricaturista, disegnatore di ceramiche e di mobili, Stanis Dessy ha toccato svariati campi, nel corso di una carriera, durata oltre sessant´anni, che lo ha visto assumere un ruolo di protagonista nell´arte sarda del primo Novecento. Lavoratore instancabile, ha fatto della fedeltà al "mestiere" il perno della propria attività; un mestiere inteso nel senso più nobile del termine, non come pura manualità artigiana, ma come esercizio rigoroso e attento della tecnica, svolto nel rispetto delle regole dell´arte. La tecnica, si sa, non basta a fare un artista; ma nel caso di Dessy la dedizione al lavoro, la ricerca della pulizia nell´esecuzione e della precisione d´occhio e di mano si sono rivelati funzionali a esprimere una visione artistica personale. Amore e curiosità per tutti gli aspetti del mondo visibile, osservati con uno sguardo distaccato, limpido e oggettivo: si potrebbe riassumere così, in poche parole, il senso della sua pluridecennale ricerca. [...]»
(dal volume)

 
Cumintzu de pàgina   Stampa Imprenta custa pàgina   Condividi Cundividi
Servitzios Bibliograficos Sardos