Vai direttamente al contenuto

SBS

Sardinia Bibliographic Services

Sardinia Bibliographic Services
     
  
Forgotten your password?
Subscribe now!

Pittura e scultura dal 1930 al 1960



Pittura e scultura dal 1930 al 1960 - Giuliana Altea, Marco Magnani, Ilisso (2000)

La lunga stagione che va dagli anni Trenta al 1960 è qui raccontata in un vero e proprio affresco che innesta i fatti specificamente artistici nell´ambiente sociale e culturale che li ha visti sorgere.

Author/s Giuliana Altea
Marco Magnani
Illustrator/s Pietro Paolo Pinna
et al.
Publisher Ilisso
Edition Nuoro, 2000
Pages 304 (illustrated)
Series Storia dell´Arte in Sardegna, n° 8
Genre Non-fiction
Format Paper 
Price € 75,00
Release language Italian

  Further details

The work

Il volume illustra la stagione artistica che va dagli anni Trenta al 1960: non solo i quadri o le sculture ma i dibattiti, le polemiche, le lotte spesso roventi che hanno attraversato l´ambiente figurativo isolano, a partire dalle vicende finora inesplorate dell´organizzazione artistica del fascismo, guidata in Sardegna dall´energico Filippo Figari e osteggiata dal suo storico antagonista, il disincantato e fascinoso Giuseppe Biasi; e accanto a loro, una schiera di artisti, alcuni già noti, come Mario Delitala, Francesco Ciusa, Pietro Antonio Manca, Stanis Dessy, Carmelo Floris, Eugenio Tavolara, Gavino Tilocca, Cesare Cabras, Costantino Nivola; altri finora in parte o del tutto sconosciuti, a cominciare dalle donne, Anna Marongiu, Francesca Devoto, Stefania Boscaro, per continuare con un´autentica scoperta, il geniale Brancaleone Cugusi, ignorato precursore del neorealismo italiano - un Visconti passato dal cinema alla pittura - nei suoi struggenti dipinti ricchi di sottili ambiguità e di malinconica poesia. E ancora il libro prosegue narrando gli ideali, le speranze, le vittorie e le sconfitte delle generazioni che, cresciute sotto il regime, si sono affermate nel dopoguerra; i drammatici anni del conflitto mondiale, che allo scandaglio storico si sono rivelati inaspettatamente ricchi di sorprese, fervidi di attività e di discussioni. Sono gli anni che vedono sorgere a Sassari personalità come Costantino Spada e Libero Meledina, la cui irrequietezza esistenziale si riversa in questo momento in una pittura di alta qualità e di forte ardore sperimentale, e il consolidarsi dell´attività dell´Istituto d´Arte (in effetti una vera e propria accademia), da cui escono artisti quali Antonio Corriga, Salvatore Fara, Giuseppe Magnani, Pietro Mele, Giuseppe Silecchia.
La tormentata stagione delle lotte per il Piano di Rinascita trova nel cagliaritano Foiso Fois un interprete di alta originalità creativa; accanto a lui, la battaglia per il realismo conta un personaggio del calibro di Giovanni Ciusa Romagna, e più tardi un artista rigoroso come Vincenzo Manca. È il momento che vede emergere il fosco e drammatico talento di Ausonio Tanda e quello poeticamente vibrante di Maria Lai, e che - mentre incalzano, nel laboratorio costituito dalla rivista Ichnusa, le discussioni teoriche sulla possibilità di un´arte moderna e al tempo stesso impegnata nel confronto con i tragici problemi della realtà sarda - conosce il definitivo affermarsi delle ricerche d´avanguardia nell´opera di Mauro Manca. L´artista, figura centrale per gli sviluppi dell´arte isolana a partire dalla fine degli anni Trenta, diviene presto il riferimento irrinunciabile per la giovane generazione che si affaccia a fine decennio: dal gruppo cagliaritano Studio 58, con il ribellismo esistenziale e politico di Brundu, Pantoli, Rossi, Casula, Mibelli ed altri, e da artisti sassaresi come il vulcanico Nino Dore, il cerebrale Aldo Contini, e più tardi da tutto il gruppo raccolto intorno al pittore dopo la nomina di questi alla direzione dell´Istituto d´Arte sassarese. A dialogare con gli artisti, una critica sempre informata e appassionatamente partecipe.
Non potevano mancare, in questa ricostruzione, le arti applicate: il libro ne segue gli sviluppi a partire dal risveglio dei tardi anni Trenta.

 
Top of page   Stampa Print this page   Condividi Share
Sardinia Bibliographic Services
 
  The work