Vai direttamente al contenuto

SBS

Servizi Bibliografici Sardegna

Servizi Bibliografici Sardegna
     
  
Password dimenticata?
Abbonati ora!

"La madre" di Grazia Deledda: disponibili le traduzioni in spagnolo, portoghese, inglese e sardo

News | Gio, 7 Giugno 2018
La casa editrice Nor presenta le traduzioni in spagnolo, portoghese, inglese e sardo del romanzo "La madre" di Grazia Deledda disponibili nellŽedizione cartacea e in ebook.

Pubblicato nel 1919, "La madre" conferma la modernità del pensiero di Grazia Deledda la quale decide di trattare ancora una volta un tema universale interrogandosi senza ipocrisie  sul celibato ecclesiastico. Per far emergere la tragicità dellŽamore che unisce un prete e una donna, lŽautrice nuorese abbandona il racconto lineare e sceglie una narrazione sinuosa. La vicenda ci viene presentata solo al momento del suo tragico finale, quando l scontro tra il giovane parroco e sua madre è ormai inevitabile. La lotta tra senso di colpa e desiderio emerge attraverso sogni e flashback, mentre la trama si riduce agli eventi di tre giornate. Le psicologie dei personaggi sono accompagnate dalla presenza costante del vento che scuote e modella il paesaggio di Far.

"La Madre" fu accolto subito con favore dalla critica e fu tanto amato anche da D.H. Lawrence che decise di scrivere la prefazione alla traduzione inglese.

La trama:
I passi furtivi di un giovane parroco che lascia la propria casa e lŽangoscia di una madre che lo segue nella speranza di essersi sbagliata. È così che si schiude il dramma di un uomo che ha ammesso, infine, la menzogna della sua vocazione.
Il passato, con ogni evento che ha portato Paulo a legarsi ad Agnese, riappare insistentemente nellŽevolversi di una vicenda che si concentra tutta sulla scelta del presente: assecondare la vita o rinunciare a essa in nome dellŽabito talare.
Spinto dalla madre a salvare se stesso e quello per cui è stato educato, Paulo si aggrappa disperato alle anime semplici del paese di Aar, accogliendo ogni minimo accadimento di tre sole giornate come una benedizione che lo tiene lontano dal desiderio.
In questo capolavoro della letteratura mondiale, lŽinquietudine esistenziale di una madre e del figlio per il quale ha sacrificato tutta la vita emerge con lŽintensità dirompente di una tragedia greca.

Grazia Deledda:
Grazia Deledda (Nuoro, 27 settembre 1871 - Roma, 15 agosto 1936) è stata lŽunica scrittrice italiana a essere insignita del Premio Nobel per la letteratura (1926). Trascorse lŽinfanzia e la giovinezza a Nuoro, dove ebbe le sue prime esperienze letterarie. Nel 1890, in seguito al suo matrimonio con Palmiro Madesani, si trasferì a Roma.
Le sue opere, attraverso le numerose traduzioni, fecero conoscere la Sardegna nel mondo; citando infatti la motivazione del Premio Nobel: «Per la sua ispirazione idealistica, scritta con raffigurazioni di plastica chiarezza della vita della sua isola nativa, con profonda comprensione degli umani problemi».
La collocazione della scrittrice tra Verismo e Decadentismo ha sempre creato difficoltà di interpretazione tra i critici italiani. Il sapore vagamente verista della sua produzione le procurò le insofferenze dei abitanti della sua città natale e della sua regione, in cui le storie erano ambientate, convinti che descrivesse la Barbagia come terra rozza e arretrata.
Altri invece riconoscono lŽoriginalità della sua opera. Come per molti grandi scrittori della sua epoca, essa risulta ben inserita nel contesto europeo: tutto accarezza, ma evitando precise appartenenze. Alla scrittrice sarda spetta indubbiamente un posto di primo piano nel Novecento, insieme a Pirandello, anche lui Premio Nobel appena dieci anni dopo.
La lingua italiana è comunque per lei, sardofona, una lingua non sua. In una sua lettera precisa: «Leggo relativamente poco, ma cose buone e cerco sempre di migliorare il mio stile. Io scrivo ancora male in italiano - ma anche perché ero abituata al dialetto sardo che è per se stesso una lingua diversa dallŽitaliana». Una doppia identità, una condizione particolare di bilinguismo e di diglossia, comune a numerosi scrittori italiani anche se non in modo così marcato come per la Deledda. Mettendo in comunicazione due sistemi linguistici e letterari diversi, la scrittrice inaugura in Italia una nuova stagione narrativa, dove traspare chiaramente lŽappartenenza alla cultura originaria, e dove la propria lingua viene valorizzata come vettore di conoscenza e di crescita culturale.
Tra le sue opere principali abbiamo: Fior di Sardegna (1892), Racconti sardi (1894), Elias Portolu (1903), Cenere (1904), Nostalgie (1905), LŽedera (1908), Canne al vento (1913), Marianna Sirca (1915), LŽincendio nellŽoliveto (1918), La madre (1920), La fuga in Egitto (1925), Il sigillo dŽamore (1926), Annalena Bilsini (1927),Cosima (1937, postuma).





Maggiori informazioni su

  NOR
Il libro  
Grazia Deledda

mother (The)


Ghilarza, NOR
2016, pp. 160, Narrativa
Euro 12,00
Inizio pagina   Stampa Stampa questa pagina   e-mail Invia questa pagina   Condividi Condividi
Servizi Bibliografici Sardegna