Vai direttamente al contenuto

SBS

Servitzios Bibliograficos Sardos

Servitzios Bibliograficos Sardos
     
  
Password ismentigada?
Abònadi como!

Cioglia e il rebus dei "suicidi felici"

Rassigna de imprenta | L´Unione Sarda | Zoy, 7 Freàrgiu 2013
«Solinas spalanca le imposte, sporgendo lo sguardo verso la stretta fenditura del cielo, dove, tra palazzi quasi incastrati l´uno all´altro, gocciola il sole. È in via Canelles, storica via dello storico quartiere di Castello, roccaforte pisana e vecchio centro amministrativo della città viceregia, splendido esempio di eleganza marcita». È una Cagliari senza tempo, sferzata dal maestrale e dominata dal sole, quella in cui Emanuele Cioglia ambienta il suo ´Asia non esiste´, terzo romanzo dell´autore cagliaritano dopo ´Il mozzateste´ (2006) e ´Tranquillo come una salma´ (2009). Una Cagliari che nasconde nei suoi reconditi anfratti un segreto che fa paura e che mette a durissima prova i nervi e l´abilità investigativa del commissario stampacino Libero Solinas, alle prese con una catena di suicidi apparentemente inspiegabili. Perché uomini e donne giovani, belli e felici decidono improvvisamente di farla finita?
Cosa li spinge al gesto estremo? Esiste un collegamento tra questi misteriosi avvenimenti? Cioglia suggerisce una chiave di lettura: «L´ossimoro ´suicidi felici´ può essere uno svincolo per romanzare, rovesciandola nel paradosso, una realtà cagliaritana e globale. La crisi, la depressione del singolo, di Solinas, e della collettività, il rigetto dei simboli del sistema capitalistico, di cui il commissario è paradigmatico alfiere», spiega lo scrittore, che aggiunge: «Il suicidio dell´umanità è il vero focus nasacosto del romanzo, mentre l´ossimoro mi è sembrato un buon elemento per un thriller accattivante». Ma ´Asia non esiste´ è ben più di un racconto intrigante: è l´esperienza di uno stile narrativo, quello di Cioglia, pirotecnico e sorprendente, in grado di toccare vette di lirismo immediatamente sdrammatizzate dal ricorso alla battuta sagace, possibilmente in puro slang casteddaio. Non ci sono i super detective alla Alex Cross o Lincoln Rhyme nelle pagine di Emanuele Cioglia, né raffinati indagatori alla Sherlock Holmes. Il commissario Solinas è sempre in affanno, appesantito dall´età e dalla salute malferma e infiacchito nello spirito da un inguaribile indolenza. Costantemente un passo indietro rispetto al susseguirsi degli eventi, affiancato dalla compagna (e collega) di sempre, Carla Grena, riesce a mettersi in carreggiata pur in assenza di una strategia razionale. Per puro caso. O forse no. «Solinas è vittima della sua irruenza, della sua insofferenza agli schemi e dei suoi metodi di indagine vecchio stampo, per non dire obsoleti», spiega Cioglia. «Allo stesso tempo, è a suo modo un custode della morale, un puro, se vogliamo, pur coi suoi innumerevoli e vistosi difetti», aggiunge l´autore. «Non c´è nulla di autobiografico nel personaggio del commissario», afferma lo scrittore, «per quanto condivida con Solinas un certo modo di vivere e amare la città, nei suoi angoli nascosti, nelle sue strade cariche di storia, nei fiori rossi del cappero che spuntano dai muri del Ghetto degli Ebrei». E la passione per l´Ichnusa gelata? «Con moderazione», scherza Cioglia. In ´Asia non esiste´ si fa il tifo per i buoni, ammesso che ce ne siano. Il male, invece, è di quelli che nona avvincono, che non affascinano: al contrario, ci si imbatte in una malvagità fatta di cose innominabili nella loro turpitudine, senza riscatto, senza redenzione. E Cioglia non fa sconti al lettore, non impartisce lezioni né cede alla tentazione di soluzioni consolatorie: «Lo si definisca noir, thriller o giallo non è importante. Il mio è un romanzo che tratta della vita e dei suoi fantasmi. Della crisi fatta di precariato e di assenza di prospettive future, della paura di non farcela, di non riuscire a cavarsi d´impaccio», spiega l´autore. La trama elaborata da Cioglia è un labirinto nel quale ci si muove a tentoni e ci si imbatte in figure ai confini della realtà: l´anatomopatologo Arquazzi, vorace e irascibile; l´ineffabile ispettore Fighini, col suo accento romanesco e l´innato talento di far uscire Solinas dai gangheri; il professor Vinzigaglia («non rivelerò mai a chi mi sono ispirato per delineare questo personaggio», sogghigna l´autore). E poi c´è lei. Fragile e distruttiva. Dolcissima e letale. Senza pietà e piena d´amore.
Lei, Asia. Anche se non esiste.
O forse sì.
È bellissima, Asia. Fate attenzione.

di Fabio Marcello

 
Su libru  
Emanuele Cioglia

Asia non esiste


Cagliari, Arkadia editore
2012, pp. 264, Narrativa
Euro 16,00
Cumintzu de pàgina   Stampa Imprenta custa pàgina   Condividi Cundividi
Servitzios Bibliograficos Sardos